#LifeInNorway – Gli Amici del Vino (seconda puntata)

Con questo post archivio ufficialmente gli ultimi appunti legati alla mia vita norvegese: non potevo, infatti, lasciare in sospeso una serata (la mia ultima serata all’interno del mitico gruppo degli “amici del vino”) durante la quale ho avuto modo di fare un po’ il “burattinaio”, coordinando un blind tasting che è stato davvero divertente e stimolante.

Per il secondo incontro degli “wine fellas”, ci siamo concentrati sui vini rossi, lasciandoci la libertà di provare a stupirci.

IMG_20170228_205100.jpg

4 italiani, 2 norvegesi e 2 francesi a degustare vini da tutto il Mondo, partendo dalla Spagna:
Lalama Ribeira Sacra, annata 2012, 12,5 gradi alcolici.
Menchia (90%) e Granacha (10%) i vitigni utilizzati per realizzare questo vino rosso tendente al violaceo, limpido ed abbastanza consistente, con un naso abbastanza complesso, intenso, ma non particolarmente fine. Sentori eteri di frutta sotto spirito e mora, per lo più i profumi percepiti.
Al gusto è secco, caldo, morbido, fresco, abbastanza tannico, abbastanza sapido, abbastanza intenso ma non molto equilibrato e non particolarmente persistente.
Insomma, un vino con troppi “abbastanza”, che, alla fine, non si lascerà ricordare.

IMG_20170228_215431
– Il secondo vino della serata è stato una gradevole sorpresa.
Etichetta e nome stravaganti: Pomin’Roll. Vendemmia 2014 e 13 gradi alcolici per questo “Grand Vin de Bordeaux”, dal colore rosso rubino intenso, limpido e consistente.
Intenso anche al naso, complesso e fine, regala profumi di mora, lampone, spezie leggere ed una nota alcolica dolcemente pungente.
In bocca è secco, caldo, morbido, fresco, con un tannino morbido, una bella sapidità ed un equilibrio interessante.
Di corpo ed elegante. Vino che supera tranquillamente gli 80 punti.

– Col terzo vino ci siamo spostati in Italia, per un prodotto piuttosto commerciale in Norvegia: il Piemonte Barbera DOC “Silenzio”, dell’azienda Pietro di Campo.
Annata 2015 e 13 gradi alcolici, la sua gioventù si palesa già nel bicchiere, con un rosso rubino tendente al violaceo, limpido e consistente.
Intenso, abbastanza complesso e fine, al naso regala note di prugne, marmellata di ciliegia e profumi riconducibili alla famiglia dei tostati (cioccolato e liquirizia in primis),
In bocca è secco, ma con un retrogusto molto morbido che ne affievolisce anche la percezione tannica, è gradevolmente caldo, fresco, con un buon corpo, fine ed armonico.
Media la persistenza, un Barbera piuttosto “scolastico” e “piacione” che potremmo definire “senza infamia e senza lode”; può risultare gradevole su formaggi a media stagionatura, gustati assieme a marmellate.

– Ci spostiamo ora in California per quello che è stato (a mio avviso, ma non solo) il vino della serata: Beringer Cabernet Sauvignon del 2015. 13,5 gradi alcolici ed un vino di colore rosso rubino intenso, quasi purpureo, impenetrabile, limpido e consistente.
Al naso è intenso, complesso e fine, in continua evoluzione all’interno del bicchiere: profumi tostati (liquirizia), speziati (cannella), floreali (violetta), fruttati (marmellata di ciliegia).
Secco, caldo, morbido…vellutato in bocca; fresco, sapido e con un tannino setoso. Buona anche la persistenza ed interessante l’evoluzione nel bicchiere. Piacevole la beva (leggermente vanigliata) ed il gusto che lascia in bocca. Un vino fine, equilibrato, elegante, da sposare con carni elaborate e verdure grigliate.

Come ultimi due vini della serata, ho deciso di lasciare ai miei “fellas” un confronto tra Pinot: uno Neozelandese ed uno Californiano.

– Il primo è il Matua, Pinot Noir Marlborough, annata 2015 con 13 gradi alcolici. Dal colore rosso porpora scarico, limpido e consistente, ha un naso intenso ma non particolarmente complesso, con una discreta finezza. Necessita di tempo per aprirsi e rilasciare note di ciliegia, pepe leggero, rosa, fragola.
In bocca è secco, caldo, morbido, molto fresco, con un tannino leggero, sapido, ma un po’ sbilanciato verso le parti dure. Lascia una bocca gradevole anche se, probabilmente, potrebbe esprimere qualcosa in più con un’ulteriore periodo di evoluzione in bottiglia. Da rivedere.

– Diverso il discorso per l’ultimo vino della serata: La Crema Monterey, Pinot Noir del 2014 con 13,5 gradi alcolici. Un bel rosso rubino di media intensità risalta nel nostro bicchiere, limpido e consistente. Anche in questo caso il vino necessita di tempo per aprirsi e farsi apprezzare, rivelando così un naso intenso, abbastanza complesso e fine, in cui risaltano la ciliegia, le spezie (pepe) ed i tostati (tabacco).
Secco, caldo, morbido, fresco, abbastanza tannico e sapido, questo vino ha fatto barrique e si sente.
Di corpo, fine e persistente, porta con se anche al gusto la lieve nota di pepe già percepita al naso. Gradevolissima.
La bocca è asciutta dopo aver bevuto questo vino e allora subito l’associazione coi piatti grassi viene da sè: piatti saporiti, aromtaitici, ma non troppo complessi potrebbero essere in grado di esaltare questo vino.

Insomma, una serata che, casualmente, ha visto la California “mostrare i muscoli” e proporci due vini davvero molto interessanti, di gran lunga i più meritevoli di un plauso.

Ora che sono tornato in Italia non sarebbe male creare un nuovo gruppo di “Wine Fellas” su Ancona e provincia per provare a continuare a “giocare col vino”…ma in maniera seria…
Any volounteers?

IMG_20170301_001324

Farnito Carpineto 2003 & Maccone Rosso 17° Angiuli Donato

Durante la mia ultima settimana ad Oslo, mi sono congedato da uno dei miei migliori amici con una bella serata di degustazione, durante la quale abbiamo avuto modo di stappare due bottiglie (più un bag in box, ad esser sinceri) di cui non posso non parlare.

Una serata durante la quale si sono incontrati un attempato, ma ancora bevibilissimo, “signore” toscano ed un possente “ragazzo” pugliese. Una serata in grado di riscaldarti, grazie a gradazioni alcoliche importanti e stuzzicarti con profumi in continua evoluzione.
Una (fresca) serata di inizio marzo, due vini eccellenti, tre amici innamorati del buon vino.

Ma procediamo con ordine ed andiamo a conoscere meglio i protagonisti di questa serata.

Cominciamo, per rispetto dell’età (di vendemmia) dal Carpineto 2003 Toscana I.G.T. Cabernet Sauvignon. Cliccando qui è possibile leggere alcune info interessanti sul produttore.

Prodotto dalla Casa Vinicola Carpineto, questo vino si presenta limpido, rosso rubino e consistente.

Al naso è intenso, complesso e fine con, al primo impatto, sentori di frutta surmatura e marmellata, che si riducono col passare dei minuti, lasciando il passo a note di mora e succo di ciliegia. L’impressione, al naso, è che questo vino sia stato in grado di sopportare bene gli anni.

In bocca è secco, caldo, morbido, fresco, abbastanza tannico, sapido, speziato e leggermente piccante, ha un buon corpo, è equilibrato e fine, con una buona persistenza.
Da abbinare a piatti piccanti (verdure ripassate con aglio e peperoncino, ad esempio), formaggi e salami.
Insomma, una gradevole sorpresa.

Spostiamo ora naso e palato sul Maccone Rosso 17° di Angiuli Donato. Un primitivo 100% frutto della vendemmia del 2013.
17 i gradi alcolici, proprio come suggerisce il nome dell’etichetta.
Vigneti siti nel Comune di Acquaviva, su suoli argillosi.
Vendemmia manuale, rese per ettaro bassissime e nessun uso di legno.Pri

Nel bicchiere si presenta con un rosso rubino profondo, praticamente purpureo, limpido e consistente.

Maccone Rosso 17° - etichettaAl naso è intenso, complesso e fine. Richiede un po’ di tempo per aprirsi davvero, data la struttura importante, con note aromatiche eteree, fruttate (frutti rossi sotto spirito) e floreali (fiori leggermente appassiti). In seconda battuta, pepe e liquirizia.

In bocca è secco, caldo, molto morbido, leggermente bruciante, potente: un’esplosione di gusto. Frutta leggermente marmellata, fresco, con un tannino sostenuto ed al contempo morbido. Sapido, persistente, ovviamente di corpo ed abbastanza equilibrato, nonostante un tenore alcolico impegnativo.

Da gustare anche da solo, come vino da meditazione, grazie ad una lieve dolcezza finale, gradevolissima, supportata da una forza capace quasi di annebbiarti la vista per un attimo.

Personalmente lo abbinerei a formaggi grassi e stagionati, cacciagione, arista di maiale in salsa di prugna e contesti in cui possano incrociarsi il salato ed il dolce.

Insomma, uno di quei vini da provare assolutamente.

Maccone e Farnito

Un bell’incrocio, questo tra Toscana e Puglia, avvenuto, per caso, in Norvegia, in una sera di fine inverno…

Due assaggi…a cavallo tra Norvegia ed Italia

Da ormai quasi due settimane sono rientrato in Italia e ancora non ho finito di rimettere in ordine tutti i pezzi di quest’ultimo anno e mezzo della mia vita, ma oggi comincio a farlo presentandovi uno degli ultimi vini assaggiati in Norvegia ed uno dei primi gustati dopo esser tornato a casa.

IMG_20170308_204033Il primo è il Rosso di Montepulciano DOC  “Tre Rose“, brand senese riconducibile all’azienda Tienimenti Angelini.

Annata 2015 e 13 gradi alcolici per questo rosso, rubino, limpido ed abbastanza consistente. Sentori floreali (rosa su tutto), speziato ed etereo, ha un naso intenso, abbastanza complesso e con una discreta finezza.

In bocca è secco, caldo, morbido, fresco, tannico e sapido. E’ ancora giovane e il suo equilibrio è leggermente spostato verso le parti dure. Buono il corpo ed abbastanza persistente, lo potremmo definire “pronto”, anche se sarebbe meglio dargli un paio d’anni per poter evolvere un po’. Polpette al sugo il primo abbinamento che mi verrebbe da suggerire…

Spostiamoci ora nel sud delle Marche per goderci il “Brezzolino”, Falerio DOC della Linea “Pharus” della Cantina Colli Ripani (AP). L’annata provata è la 2013, i gradi alcolici sono 13.

Questo blend di Pecorino, Passerina e Trebbiano si presenta in una bottiglia semplice, con etichetta elegante e controetichetta curata. Non a caso l’Azienda si aggiudica spesso premi anche per le sue etichette.

Il vino ha un bel colore giallo paglierino tendente all’oro, brillante e consistente.
Naso complesso, intenso e fine. Sentori di fiori gialli surmaturi, camomilla, erbe.

In bocca è secco, caldo, morbido, fresco, abbastanza sapido. Buona la spalla acida e l’equilibrio in generale. Discreta anche la consistenza.
Una beva relativamente facile, con una nota amara che ci invoglia ad abbinamenti con salami dolci, tipo il prosciutto Fiocco e tutti quei salumi non troppo salati, o con piatti rustici e saporiti, come una bella frittata di zucchine e cipolle.

E’ il vino giusto da bere in primavera, a tavola con amici, in una bella giornata di sole.

Amarone della Valpolicella 2012 – Cantine Lamberti

E’ possibile comprare in Norvegia un Amarone della Valpolicella (tra l’altro anche buono), pagandolo circa 25 euro???

La risposta è si. Per qualche strana logica di mercato, a quanto pare è possibile e ringrazio l’amico che me lo ha fatto provare, ma bando alle ciance e andiamo subito a vedere un po’ più da vicino questo vino, prodotto ed imbottigliato dalle Cantine Lamberti.

L’annata è la 2012 ed il titolo alcolometrico dichiarato in bottiglia è di 15,5 gradi.

Alla vista si presenta limpido, di colore rosso rubino tendente al granato e molto consistente.

img_20170226_151940Il naso è intenso,complesso e fine, con sentori di frutti rossi (mora, lampone), spezie (cuoio, liquirizia) ed anche una certa nota eterea. Col passare dei minuti si apre e regala anche qualche sentire floreale (violette).
In bocca è secco, caldo, morbido, fresco, abbastanza tannico, sapido, intenso, persistente, di corpo e fine.
Armonico e pronto, pur avendo sicuramente “nelle gambe” ancora qualche anno di potenziale evoluzione.
E’ un vino da abbinare a piatti aromatici, complessi, a base di carne, ma anche con formaggi ed insaccati stagionati.
Un vino che “fa Domenica”, da stappare in compagnia di amici e gustare davanti ad un bel pacchero di Gragnano con un sugo di pomodoro al ragù bello carico di manzo ed agnello, funghi, carote, sedano ed una abbondante grattuggiata di Parmigiano Reggiano.

Musar Jeune 2013 – Chateau Musar (Libano)

Chateau Musar, un salto in Libano…

Assaggiare un vino di una Nazione che non si ha ancora avuto modo di visitare è un po’ come fare un viaggio virtuale in un Mondo che, magari, è molto lontano dal nostro: oggi vi parlo di un vino che mi ha piacevolmente sorpreso, proveniente da un Paese con antiche tradizioni viticolo-enologiche, ma che, di solito, difficilmente si pensa di gustare.

L’azienda in questione è una delle più antiche e rinomate del Libano: Chateau Musar.
Il vino assaggiato è il “Musar Jeune 2013”, un blend di Cinsault (50%), Syrah (35%) e Cabernet Sauvignon (15%), provenienti dai vigneti, certificati biologici, dalla Bekaa Valley, sita nel Nord-Est del Paese, vendemmiati a Settembre del 2013. Titolo alcolometrico: 14°alcolici. E’ un vino la cui produzione non prevede alcun periodo di maturazione in botti di legno.

Rosso rubino, limpido e consistente alla vista, questo vino ha un naso abbastanza intenso, complesso e fine, con richiami alle famiglie olfattive del fruttato (prugna), del floreale (rosa), dello speziato (pepe, liquirizia) e dell’erbaceo.

img_20170218_221319Al gusto è secco, caldo, abbastanza morbido, fresco, dotato di un tannino leggero e gradevole, abbastanza sapido. Equilibrato ed intenso, è persistente e dotato di buon corpo.
Si fa apprezzare soprattutto per la sua nota leggermente pepata in bocca, anche se a tratti si ha come l’impressione che possa eccedere e diventare leggermente bruciante. Per tal motivo, mi sento di dire che è abbastanza fine ed abbastanza armonico.

E’ un vino da abbinare a piatti complessi, speziati, profumati, come uno spezzatino con piselli ed una spruzzata di tartufo, paste con sughi piccanti, penne all’arrabbiata.

Vino che si può bere anche da soli, in una fredda serata invernale, col camino acceso ed il desiderio di gratificarsi con un piatto sostanzioso ed un vino intrigante da gustarvi assieme…

img_20170218_212030

#LifeInNorway – Gli Amici del Vino (prima puntata)

Abitare in un Paese che non produce vino, come la Norvegia, può esser visto anche in modo positivo: ho una certa imparzialità nei confronti dei prodotti che mi vengono proposti al Vinmonopolet (o allo shop dell’Aeroporto per i voli internazionali).

Si perché Francia e Italia sono indubbiamente i leader di mercato, per volumi e varietà di prodotti, ma, specie se si visita un negozio abbastanza grande, quasi tutti i Paesi produttori hanno un minimo di spazio a scaffale. Il sito ufficiale del monopolio, inoltre, permette l’acquisto di qualsiasi referenza a catalogo, quindi, considerando sempre la necessità di una certa disponibilità economica, si è relativamente più liberi da condizionamenti pregressi, quando si decide di provare qualcosa di nuovo.

O almeno, di tutto ciò ha provato a convincermi un ragazzo francese, recentemente conosciuto all’interno del gruppo “gli amici del vino” in cui sono stato gentilmente coinvolto dal mio amico Roberto Giovanni Attolico.

img_20170123_200920
Lo scorso 23 Gennaio, a casa sua, infatti, si è tenuta la prima serata di degustazione con 5 vini, in 6 bottiglie e 7 persone, tutti, ovviamente, “enogastrappassionati” o comunque appassionati abbastanza competenti.

img_20170123_230824
Ci siamo divertiti a studiare un po’ il vitigno Chardonnay, confrontando un 2015 ed un 2012 australiani, con un 2013 della Borgogna, per poi passare ad un Aligotè dello stesso territorio francese, ma del 2015.
4 bianchi che hanno fatto da apripista al “pezzo da 90” della serata: il Taurasi DOCG “Radici” di Mastroberardino…
Ma andiamo in ordine, riavvolgiamo il nastro e cominciamo dall’inizio:

1) Chardonnay “Stella Bella” Margaret River 2015.
13°Alc.

Si presenta brillante alla vista, di colore giallo paglierino scarico e consistente.
Al naso è intenso, complesso e fine, con note minerali importanti e fiori gialli (come la ginestra), leggermente surmaturi.
In bocca è secco, caldo, morbido…quasi rotondo. Fresco e sapido, non è perfettamente equilibrato, ma da l’impressione di poter migliorare col tempo. Abbastanza persistente ed abbastanza armonico, ha nel complesso una buona finezza.

Un vino che sicuramente si può abbinare bene ad antipasti di pesce, verdure sott’aceto, formaggi a media stagionatura e speziati (tipo un bel pecorino al tartufo).
Vino che mi immagino di gustare in Italia, verso metà settembre, su di una terrazza in collina da cui godersi una bella vista sul mare…

2) Chardonnay De Bortoli Yarra Valley Villages 2012.
12,5° Alc.

Nel bicchiere si presenta brillante, giallo paglierino, consistente.
Abbastanza complesso al naso, intenso (più del vino precedente) e fine. Questo vino fa un periodo di affinamento in botti di quercia e ciò può aver contribuito a coprire un po’ gli odori che, in generale, sono riconducibili a quelli della famiglia olfattiva floreale (essenzialmente fiori gialli) ed erbacea.
All’assaggio risulta secco, caldo, morbido, abbastanza fresco e sapido. La sua acidità sembra iniziare a venir meno, il che non basta ancora per definirlo “sgradevole”, ma ci porta a sospettare che sia iniziata la fase discendente.

Da abbinare a formaggi piuttosto sapidi, in grado di dargli un po’ di quella “verve” necessaria a facilitarne la beva.

3) Chardonnay
Appellatiòn Bourgogne Controllee Terroir Noble 2013, Vincent Girardin.
13°Alc.

Brillante, di colore giallo paglierino con tenui riflessi verdolini, consistente.
Ha un naso complesso, abbastanza intenso e fine, con richiami erbacei (basilico, menta) e floreali.
In bocca, però, delude le promesse fatte al naso, con una acidità un po’ bruciante e l’assenza di quella “grippe” che stimola la beva. Un vino che si siede un po’ troppo e rischia di stancare subito.

4) Bourgogne Aligotè, Joseph Drouhin. Annata 2015.
12°Alc.

Limpido, giallo paglierino scarico, abbastanza consistente.
Intenso, abbastanza complesso ed abbastanza fine, con richiami alla frutta tropicale (ananas, pesca bianca) e alle note erbacee (menta).
In bocca è secco, caldo, abbastanza morbido, fresco, abbastanza sapido, non perfettamente equilibrato, poiché risaltano maggiormente le note dure. Un vino abbastanza persistente, abbastanza fine, abbastanza armonico, che si potrebbe abbinare bene a primi piatti a base di pasta con sughi bianchi con verdure.

5) “Radici” Taurasi DOCG Riserva 2007 Mastroberardino.
13,5 Alc.

Limpido, rosso rubino corposo, consistente.
Intenso, complesso e fine al naso, ricorda sentori fruttati di mora e lampone, ciliegia e liquirizia, sottobosco, spezie, tabacco…un vino che regala emozioni ad ogni respiro, invitandoci a farsi scoprire un po’ alla volta. Nonostante abbia già 10 anni è ancora giovane.

img_20170123_222939
Bocca piena, rotonda ed affascinante. Secco, caldo, morbido, fresco, con tannini forti ma non invasivi, sapido. Equilibrato e fine, con ulteriori margini di miglioramento, molto persistente ed armonico. Siamo davanti ad un vino importante, con almeno altri 10 anni per evolvere.

Da provare in abbinamento a piatti elaborati, paste al sugo, lasagne, cannelloni, piatti importanti a base di carne e selvaggina, ecc…

Una serata assolutamente piacevole, accompagnata da formaggi, taralli, olive, pomodori secchi e salumi italiani, conclusa con un buon bicchiere di Bourbon del Kentucky.

img_20170123_231126
E così per una sera, 3 italiani, 2 norvegesi e 2 francesi, tutti ad Oslo per lavoro, si son sentiti un po’ al centro del Mondo…